CONDIVIDI
Don’t run, fly. Il claim di ASICS mai fu meglio interpretato che durante la Trentapassi Skyrace a Marone (189 m), sulla sponda bresciana del lago d’Iseo. Sì, perché nel contesto fuori dal tempo, pittoresco e quasi fiabesco del Sebino, è possibile correre una gara davvero estrema, dura quanto stupenda.

Ecco il racconto di due partecipanti particolari... Latitudine: 45°44′13″ N - Longitudine: 10°05′44″ E. 

Iniziare il riscaldamento alle 9:28? 

Ma a che ora correremo oggi?? E su asfalto. Ben 4 km di corsa lenta su strada, regolare, senza alcun ostacolo, ma così terribilmente noiosa per noi che abbiamo da dire la nostra dove fango, sassi e ciottoli complicano le cose. Inizia così questa avventura sul lago d'Iseo, anche se dai racconti ascoltati durante gli ultimi allenamenti, la giornata dovrebbe farsi davvero interessante: 23,5 km per 1830 m D+: una bella scampagnata come piace a noi. Da quello che abbiamo inteso, sembra essere un terreno a tratti molto tecnico. Noi, come sempre, siamo pronte! Bum! Dopo lo sparo e 2 km infuocati su asfalto, ci buttiamo sul primo sentiero in salita che si snoda su circa 2 km di single track facile, nell'umidità densa del bosco. A parte il fiato corto, per noi questa è normale amministrazione, il terriccio in salita sicuramente non ci spaventa e qualche sasso rende il gioco soltanto più interessante. Inizia quindi un tratto veramente pazzesco, tra arrampicate su roccette e passaggi tecnici mozzafiato con scorci ancora più incredibili in zona talloni. Per quanto ne sappiamo, si tratta del lago d'Iseo, bacino sul confine tra Brescia e Bergamo, due città, unite da una solida passione: la polenta. 

sara 2


Non c'è tempo per distrarsi, massima attenzione per spostare il peso da una gamba all'altra, in modo da affrontare la salita in sicurezza. La nostra suola si difende bene, ma si esprimerà ancora meglio nella discesa. Una volta in vetta (1250 m), tempo di riprendere fiato e poi giù lungo il tratto più ripido e scosceso, con sfasciumi, erba e terriccio. Passi corti e controllati per affrontare questa parte tecnica, per poi lanciarsi sul sentiero corribile, dove la nostra suola specifica per il trail conferma la sua tenuta su terreni misti. Una tassellatura diversificata, per grippare ogni tipo di fondo, caratterizzata da un profilo differente pensato per adattarsi a carichi diversi e avere sempre una trazione energica in salita come in discesa. Siamo fatte per la montagna. La seconda parte di questa sky risale per circa 400 m una cresta a tratti molto tecnica ed esposta, dove procediamo con calma. Dopo il 13° km, il carico della gara si fa sentire ed entra quindi in gioco la nostra versione avanzata dell'intersuola ASICS EVA. Peso minimizzato per non gravare ulteriormente la corsa durante la fatica delle distanze intermedie, senza rinunciare a una buona ammortizzazione, per attutire i colpi del fondo sterrato.

 Fa caldo e si sente, in alcuni tratti il sole picchia e l'afa riempie l'aria che non sembra poter rigenerare il respiro affannato. In situazioni simili, il sudore rischia di creare situazioni di attrito che possono condurre a sfregamenti e addirittura vesciche. Per ridurre questi rischi al minimo, la nostra tomaia è priva di cuciture in rilievo all’interno e soprattutto riesce a garantire un’ottima traspirabilità, mantenendo il piede asciutto. La scorsa settimana ci siamo persino tuffate in un torrente, ma i piedi non hanno subito alcun problema! Quindi non tentennare, portaci dove vuoi, soprattutto se in giro per boschi, prati, campagna, insomma, là fuori. 

Giungiamo al traguardo felici, senza esserci minimamente scomposte, dopo saliscendi, rocce, prati erbosi e strade bitumate ripidissime, fango, sassi sdrucciolevoli e torrenti. Ci siamo divertite un sacco e abbiamo scoperto che siamo tipe da skyrunning: toste e robuste, protettive ma anche leggere. E siamo rosa, perché siamo montanare, ma pure un po' fighette! Ci si vede alla prossima avventura!

Le tue ASICS Alpine XT

PS – Divertente essere riconosciuta da un’altra runner proprio grazie a noi, vero?

ALPINE XT

Dettagli prodotto Una linea da trail minimalista elegante, la ALPINE XT da uomo presenta una costruzione da trail tradizionalmente meno tecnica che ti permetterà di affrontare qualsiasi terreno. Per runner esp...

SCOPRI DI PIU'


Scritto da
portrait

Sara Taiocchi

Sale Account - freelance from San Pellegrino Terme

Club: Atletica Valle Brembana e Valetudo Skyrunning

LA MIA DISCIPLINA
half_marathon trail ultra_trail 10k
LA MIA DISCIPLINA
half_marathon trail ultra_trail 10k

ASICS
FRONTRUNNER

frontrunner.home page.on instagram