CONDIVIDI
​Quando arriva la prima neve non resisto, la tentazione di scappare in montagna nel weekend e immergermi nella natura con gli sci di fondo è grandissima! E infatti ci vado molto spesso!

Lo sci di fondo è una disciplina davvero alla portata di tutti che riesce a combinare al meglio potenza muscolare e resistenza aerobica. Proprio per questo corsa e sci nordico sono attività molto simili, entrambe sono in grado di migliorare la nostra capacità aerobica.


Ma vediamo quali sono le peculiarità dello sci di fondo:

- innanzitutto si attivano più gruppi muscolari rispetto alla corsa perché lavora sia la parte alta che la parte bassa del corpo. Insieme alle gambe sono coinvolti i muscoli della schiena e del collo, il cingolo scapolare e i muscoli dell’addome; una pratica regolare di almeno 1 ora di sci migliora forza e resistenza cardio-vascolare;

- indubbiamente rilassa, il bianco, l’aria frizzante, il bosco sono elementi che aiutano a liberare la mente dallo stress, ci aiuta a respirare meglio a sentirci più in armonia con noi stessi. Per questo aspetto si avvicina molto alle sensazioni che può darti la corsa in montagna;

- lo considero una sport abbastanza sicuro, a basso impatto per le articolazioni rispetto alla corsa anche se è consigliabile sempre iniziare con un giro di riscaldamento per scaldare muscoli e tendini prima di iniziare a ‘spingere’!

- le basi della tecnica classica (o passo alternato) si possono apprendere in breve tempo con un paio di lezioni con un maestro;

- non richiede un abbigliamento super tecnico, molti utilizzano addirittura i leggings da corsa. Io personalmente uso gli stessi capi che uso per correre in inverno: t-shirt tecnica a maniche lunghe (o corte quando c’è il sole!) e sopra un antivento smanicato, guanti e al massimo una fascetta o un buff se c’è particolarmente freddo oppure durante il riscaldamento. In generale se l’allenamento è intenso ci si scalda molto rapidamente quindi è meglio non coprirsi troppo!

- l’ultima cosa riguarda l’attrezzatura, il costo è decisamente più basso rispetto a quella da sci alpino e questo non guasta! Consiglio di iniziare con il noleggio ma se poi ci prendete gusto e andate spesso acquistatela perché i prezzi sono molto abbordabili!

Praticare lo sci nordico con regolarità nel weekend, abbinato agli allenamenti di corsa infrasettimanali, completa senz’altro i lavori di potenziamento muscolare che spesso vengono inseriti nella preparazione invernale del podista in vista delle competizioni primaverili.
Variando l’intensità e la durata è possibile ottenere diversi tipi di allenamento con gli sci, ad esempio:

- una seduta di 2 ore con intensità contenuta è un ottimo allenamento di tipo aerobico accompagnato da un dispendio energetico notevole;

- sedute più brevi possono essere impostate con un riscaldamento iniziale di 15’ e successivamente 20’ di fartlek, ogni 2’ si inseriscono 30’’ in cui si aumenta costantemente il ritmo fino a raggiungere la velocità massima.

Spero a questo punto di avervi incuriosito e che il prossimo weekend sulla neve abbandoniate per un momento le affollate seggiovie per scivolare con gli sci lungo i binari ben tracciati di una pista di fondo!

Scritto da
portrait

ELISA ADORNI

SCIENZE MOTORIE E ALLENATORE da PARMA

Gruppo di età: 38

Club: CUS PARMA

LA MIA DISCIPLINA
Trail run Triathlon 10 km
LA MIA DISCIPLINA
trail triathlon 10k