CONDIVIDI
Dal 4 maggio ci è stato concesso di tornare alle nostre strade di felicità. Sentirsi liberi di correre è stato indimenticabile. Ci siamo fermati tutti , è stato uno stop generale e non individuale, come capita per un infortunio.

Tutti noi ci siamo allacciati le scarpe con la felicità di un bambino il giorno di Natale, il fanciullo ancora dentro di noi che Sa di avere ricevuto il regalo tanto desiderato : correre all’aria aperta! Finalmente Possiamo di nuovo nutrirci della nostra passione!

Ma non dobbiamo esagerare, come invece ha fatto la sottoscritta.

Dalla foga di libertà ho caricato troppo ed è stato il mio fisico a farmi slacciare le mie Asics e far indossare solo le scarpe da bici, poiché ho una seria lombalgia. Così di nuovo ferma, minimo due settimane.

Sentivo di stare troppo bene, ma è quello il momento in cui bisogna controllarsi.

Ancora una volta ripeto a tutti e a me stessa di ascoltare il proprio fisico, di non abusare di noi stessi.

Calibriamoci. Continuiamo a fare potenziamento all’aperto, seguendo i coach Giacomo Galliani o Alessandro Garozzo, dedichiamo un’ora a settimana a pilates e yoga con Elisa Adorni e Yana Savechko.

Non trascuriamo stretching ed esercizi propriocettivi.

Molti di voi avranno accusato acciacchi e si saranno sentiti spossati nei primi giorni di ripresa.

Consiglio una volta a settimana di fare riposo assoluto e alternare almeno un allenamento di bici a uno di corsa, se possibile.

Nei mesi di marzo e aprile il fisico di tutti noi ha subito un cambiamento importante e repentino di abitudini. Aiutiamolo a tornare alla normalità, come accadrà sicuramente nella vita di tutti noi.

Avremo il tempo per recuperare i nostri “tempi” una volta che ci sarà un calendario gare, adesso godiamo della nostra passione ritrovata, senza pensare alla prestazione.

La quarantena ci ha fatto diventare tutti resilienti e capire cosa conta nella nostra vita, cos’è fondamentale e cosa superfluo. Per me fondamentale sicuramente è la corsa perché mi aiuta nel cuore e nella testa, come accadrà a tanti di voi !

Auguro a tutti di volare con le vostre scarpe allacciate verso un periodo migliore.“

Scritto da
portrait

Giulia Sommi

assistente marketing in una multinazionale da Vigevano

Club: Cus pro patria milano

Allenatore: Giorgio Rondelli

LA MIA DISCIPLINA
10 km Mezza Maratona Maratona
LA MIA DISCIPLINA
10k half_marathon marathon