CONDIVIDI
Correre per me è vita. Mi regala energia, mi carica, mi chiarisce i pensieri ed è grande fonte di intuizione da cui attingo idee nuove.

Correre è stata la mia unica passione per 20 anni, prima a livello agonistico, ora a livello amatoriale.

Tuttavia, prima che la corsa diventasse una chiave di accesso alla felicità, ho dovuto attraversare un periodo abbastanza lungo in cui il cronometro, i tempi, i traguardi erano l’obiettivo principale, fonte di ansia perenne, tanto che ad un certo punto il solo fatto di entrare nella pista di atletica mi generava stress. Non correvo più per la voglia di correre, ma per dimostrare qualcosa a qualcuno, per ottenere conferme.

Finché un giorno mi sono fermata con un’unica domanda nella testa: perché? Perché corro?

Non ho messo più piede in un campo di atletica per due anni, finché nel vuoto che si era creato ho finalmente trovato la risposta. In tutti quegli obiettivi, quei traguardi, quel carico di lavoro e sacrifici era venuto a mancare il fattore essenziale: il sorriso, la gioia di correre fine a se stessa, per riconnettermi con la vita.

La svolta da quel periodo buio è arrivata grazie a un gruppo di persone che si stavano avvicinando per la prima volta alla corsa, a cui ho avuto la fortuna di fare da allenatore. La sfida di prendere un gruppo di persone che partono da zero e farle appassionare agli allenamenti, fare leva sul loro entusiasmo e trasformarlo piano piano in passione, ha curato anche me e mi ha fatto ritrovare ciò che pensavo perduto. Da 5 partecipanti al gruppo in poco tempo sono diventati 10, poi 20, fino ai 40 attuali. I runners più belli e spensierati che io abbia mai visto. Non corrono per i tempi, né per i traguardi, ma per la felicità e l'energia che la corsa fa nascere in loro ogni volta.

Mi hanno fatto correre talmente tanto per seguirli che, dopo 4 anni lontana dalle gare, il 30 aprile scorso mi sono rimessa un pettorale. Con il numero 506 ho corso il mio primo trail: 24 km 1280 D+ immersa nella natura, senza tempo, senza passaggi di cronometro, senza ansia di dimostrare, ma solo con la voglia invincibile di far respirare a ogni fibra del mio corpo tanta aria pura. Correre è un viaggio dove sei tu a decidere la rotta più bella!

Scritto da
portrait

donata Piangerelli

Personal Trainer da Porto Recanati

Gruppo di età: 32

Club: stamura ancona

Allenatore: Me stessa!

LA MIA DISCIPLINA
Track & field Trail run
LA MIA DISCIPLINA
track_field trail