CONDIVIDI
Antonio, da quest'anno ASICS FrontRunner del Team Italy, è il runner della porta accanto, quello che vedi uscire per andarsi ad allenare, ma anche quello che esce per andare a lavoro o fare la spesa, o uscire con la famiglia a fare passeggiate nella splendida Bologna. E perchè no quello che, se incontri per le scale, ci scambi volentieri due chiacchiere,... o 4 parole!

Quando mi è stato chiesto di scrivere 4 parole su di me ho pensato “ah che fatica!”
I motivi sono vari il primo è che faccio veramente fatica a parlare di me, a questo ci aggiungo anche che, se lo faccio, solitamente non sono lusinghiero con me stesso, quindi, direi che la prima parola che mi può rappresentare è IPERCRITICO, ma tranquilli solo CON ME STESSO!

Sin da bambino ho sentito la responsabilità di dimostrare qualcosa in più, di questo ringrazio la mia famiglia, che mi ha educato a dare sempre tutto, e in particolare a riflettere su quanto fatto, in modo di cercare i punti i cui si potesse migliorare.

L'altro motivo per cui faccio fatica nel trovare “SOLO” 4 parole, è che sono uno che quando inizia a parlare (o a scrivere) fa fatica fermarsi!

Quindi direi che la 2a parola è CHIACCHIERONE. Ho sempre “sofferto” quei momenti in cui c'è un silenzio imbarazzante magari rotto da un “eh si”, e allora per evitare l’imbarazzo a tutti prendo in mano la situazione ed inizio a raccontare, il fine è sempre lo stesso, portare tutti ad una “fragorosa risata”.

Vengo dallo sport di squadra, sono cresciuto giocando da piccolissimo a pallacanestro e poi anni e anni sui polverosi campi di calcio di provincia.Per me lo sport è sempre stato sinonimo di gruppo, ed ho sempre cercato di farmi promotore dell'unione di squadra.

Se un Team è unito, crede in se stesso, se crede in se stesso può battere chiunque!

E come dicevo sempre se perdiamo e dimostriamo che abbiamo creduto di vincere, offro io la pizza post partita! Eh niente l'ultimo anno avevo il conto aperto alla solita pizzeria. 

Quindi la 3a parola è MOTIVATORE
Innamorato della corsa, dopo quanto detto, come si concilia il mio amore per uno sport individuale come il running?

Facile, penso che la corsa sia lo sport più di GRUPPO tra quelli INDIVIDUALI!

Grazie al running ho potuto incontrare persone, conoscere storie bellissime, fatte di passione, entusiasmo, voglia di vivere e di migliorarsi. Quando mi capita sono sempre pronto a “scatenare” il motivatore che in me facendo da pacer in gara, e mi è capitato di supportare qualcuno in crisi e mandare all'aria la mia prestazione, spero di non peccare di superbia nell’indicare la 4a parola GENEROSO
Questo sono io in 4 parole ma ho un sacco di difetti in più.