Ho avuto il privilegio di testare la nuova TRABUCO MAX™, scarpa della nuova linea Trail, studiata soprattutto per le lunghe distanze.

Ho corso cercando di metterla alla prova su molte superfici, sentieri veloci in terra, percorsi sulla neve e, per non farmi mancare proprio nulla, su sentieri vulcanici, caratterizzati da pietra lavica, molto tecnici e “spigolosi” e la TRABUCO MAX™ mi ha sempre trasmesso sicurezza e reattività come se nulla fosse mai cambiato.

La prima sensazione che ho percepito dopo averla indossata è quella di comodità e ammortizzazione, sicuramente dovuta alla presenza del FLYTEFOAM™, 28mm sotto al tallone e 23mm sotto l'avampiede, schiuma di nuova generazione che oltre a trasmettere comfort rende la scarpa anche più reattiva dandogli un leggero effetto spinta.

Allaccio ovviamente le scarpe in pochi secondi grazie all’allacciatura rapida tipica delle scarpe da Trail ed inizio a muovere i primi passi di corsa; mi sento subito a mio agio e riesco ad apprezzare immediatamente tutta la tecnologia GUIDESOLE™, ottimizzata ovviamente per adattarla al Trail, che, oltra a collaborare con Flyteoam ad ammortizzare gli impatti, riesce a ridurre l’affaticamento in fase di spinta.

Il primo Test si conclude con 10km corsi su uno sterrato poco tecnico e molto veloce, quindi dopo aver portato a casa un ottimo allenamento, non avevo risposto a tutte le domande che volevo fare alla mia nuova TRABUCO MAX™.

Il secondo banco di prova? In gara!

Si avete capito bene, ero rimasto talmente contento del primo test, che senza alcun dubbio, ho deciso di portarle con me all’ Inferno RUN, gara OCR di interesse Nazionale, 8km completamente sulla Neve, con dislivello e Ostacoli da superare! Dopo solo 50mt il primo ostacolo di equilibrio, dove l’ASICSGRIP™, tecnologia studiata per ottimizzare la trazione in salita e in discesa, non ha perso occasione per farsi notare e facilitarmi nel veloce superamento.

Ovviamente durante tutta la competizione la scarpa è stata messa alla prova con cambi di direzione improvvisi, immersioni nella neve, salite e discese, mai un problema, mai un momento di instabilità, anzi sono riuscito a mantenere sempre una corsa efficiente fino al traguardo, dove mi sono presentato per terzo, festeggiando il mio primo podio Nazionale nella categoria elite e con la consapevolezza di aver trovato la scarpa che mi accompagnerà per tutta la stagione OCR, MudRun e Trail!

In questi giorni l’ho indossata durante le uscite defaticanti post gara, portandola con me sull’Etna, dove , oltre tutte le qualità apprezzate nelle precedenti uscite, la tomaia in Mesh resistente con inserti in 3D sovrapposti, mi ha dato quel tocco in più di stabilità che serve su terreni difficili come quelli che un vulcano attivo può offrire e il Rock Protection Plate, elemento termoplastico posizionato tra suola e intersuola, ha tenuto al sicuro il mio piede da pietre appuntite che facilmente si possono trovare lungo i crateri.

TRABUCO MAX™

Il risparmio energetico rappresenta una componente importante per i runner da fuori strada che percorrono lunghe distanze, p...

ACQUISTA ORA

Scritto da
portrait

Alessandro Garozzo

Allenatore e responsabile marcia del Centro Sportivo Aeronautica Militare, allenatore AEC Fidal, istruttore Functional training presso Polisportiva informa, personal coach, istruttore FIOCR da Roma / Catania

Gruppo di età: 35-39
Club: TANA delle Tigri GRX Academy

La mia disciplina
10 km Maratona Ultra maratona Corsa a ostacoli Fitness Training funzionale
Allenamento potenziativo Track & field Mezza Maratona Trail run Ultra trail run

Altre recensioni